Schwazer ha avuto l’immaturità di barare, la maturità di ammetterlo e l’Umanità di ricordare che l’atleta gode di fama bisestile e durante il resto dell’anno fatica senza che nessuno lo badi.