Aggiorno alcune riflessioni di gennaio perché nulla si distrugge ma tutto si trasforma.
Spesso si chiede alla politica, adesso va di moda chiederlo alla società civile..
Un BarLume di speranza..

In fondo l’Italia è una Repubblica fondata sul Bar.

Vedi la sceneggiata Sanremese al monologo di Crozza che mi ha ricordato quella di Pupo.
Non lo dico per sarcasmo o per supponenza e nemmeno per originalità,
Si tratta di una mera verità supposta.
É forse una delle poche realtà accomunanti e trasversali capace di unire le differenti realtà quanto la presenza di un quotidiano rosa.
Nei bar ci si incontra,ci si scontra,si pontifica.
Nei bar trovi tutte le soluzioni alle difficoltà politiche economiche;
Trovi gli allenatori che,in possesso dello schema definitivo,avrebbero portato trofei a pioggia con la locale squadra degli allievi.
Trovi quelli che la sanno lunga,quelli che hanno la verità in tasca,
Quelli che annuiscono,quelli che non sanno nulla,
Quelli che era meglio ieri,quelli che sarà meglio domani; l’oggi non paga.
Smarrito in tal microcosmo ho iniziato ad sovrapporre le realtà..

-Berlusconi é come il caffè ginseng; pubblicizzato,consigliato ma quando lo bevi non ne comprendi il vantaggio,tranne per il fatto che lo paghi di più.

-Bersani é come il toast; semplice e senza sorprese ma quando é l’ultimo rimasto in vetrina…ti chiedi se fosse stato meglio arrivare prima.

-Monti é come l’insalatona; fa Figo ma finito il tonno ed i due pomodorini capisci hai pagato 6 euro per mangiare erba.

Chiudo con un pensiero estemporaneo.

-Casini é come la tazza con le bustine di zucchero; ci sono a prescindere.
bianche e rigorose oppure vivaci e colorate a seconda del periodo ma fanno sempre la stessa cosa.

Tra realtà vera ed ipotesi siamo ancora campagna elettorale…supposta

Buona continuazione,Massimo